31/03/2014Expo 2015

Usa: “yes” a Expo Milano

Gli USA a Expo 2015
Gli USA a Expo 2015

 

Ad arricchire il già ricco parterre di Expo 2015 è arrivato il 147 paese partecipante. E non un paese qualsiasi: gli Stati Uniti hanno infatti detto sì all’Esposizione universale, firmando il contratto di partecipazione. L’annuncio è stato dato direttamente dal presidente americano Barak Obama, subito dopo l’incontro a Roma con il presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi. Successivamente, il segretario di Stato americano John Kerry e il Commissario Unico per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala si sono riuniti per approfondire i dettagli della presenza statunitense all’Esposizione Universale del prossimo anno.

“Proprio oggi, a 400 giorni dell’apertura di Expo 2015 – ha dichiarato Giuseppe Sala –, arriva la bella notizia della firma del contratto di partecipazione degli Stati Uniti d’America. Ancora una volta, grazie al Governo italiano e al presidente del Consiglio per il lavoro straordinario in vista del grande evento del 2015”. Il padiglione americano, il cui concept architettonico – American Food 2.0 - richiama la struttura di un granaio, svilupperà il tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” in modo innovativo, per offrire ai visitatori soluzioni e strumenti in grado di rispondere a due delle principali sfide con cui si confronta quotidianamente la popolazione mondiale: la sicurezza alimentare e la promozione di stili di vita salutari, argomenti su cui l’Amministrazione Obama ha mostrato negli anni grande sensibilità.

Diversità e responsabilità sono i pilastri su cui poggerà la presenza degli Stati Uniti d’America in Expo Milano 2015. Elementi che saranno valorizzati sia nelle dotazioni tecnologiche del padiglione sia attraverso eventi, convegni e appuntamenti che animeranno lo spazio espositivo. Alla base l’idea che il cibo sia un linguaggio universale e che il futuro dell’alimentazione dipenda dalla capacità politica, diplomatica, sociale e tecnologica di risolvere in modo creativo i problemi legati alla nutrizione a livello mondiale.

print mail Google plus twitter linkedin facebook