8/09/2014Expo 2015

Expo Milano, cerimonia in grande stile per il Padiglione Cinese

Expo, Padiglione cinese
Expo, Padiglione cinese

Cerimonia ufficiale e in grande stile per l’avanzamento dei lavori fuori-terra del Padiglione della Cina a Expo Milano 2015, posizionato proprio nel cuore dell’Esposizione Universale. Va ricordato che questa è la prima volta che la Cina partecipa ad un’Esposizione Universale che si tiene oltre oceano, con un padiglione self-built di 4.590 metri quadri, secondo solo a quello della Germania.

A fare gli onori di casa è stato Zhao Zhenge, Vice Segretario Generale del comitato organizzatore del Padiglione cinese e Vice Direttore Generale del Dipartimento Espositivo del CCPIT. Alla cerimonia sono intervenuti Wang Jinzhen, Commissario Generale di Sezione della Cina per Expo Milano 2015 e Vice Presidente del CCPIT; Giuseppe Sala, Commissario Unico del Governo italiano per Expo Milano 2015; Liao Juhua, Console Generale della Repubblica Popolare di Cina a Milano; Li Bin, Consigliere Commerciale della Repubblica popolare cinese a Milano; Meng Wenhui, Direttore Esecutivo della Camera del Commercio Internazionale della Cina; rappresentanti delle società incaricate della costruzione del Padiglione cinese (Unique Exhibition Co. Ltd., e Bodino Engineering S.r.l.) e Alessandro Rosso, presidente dell’omonimo gruppo.

Giuseppe Sala, Commissario Unico per il Governo per Expo Milano 2015, ha dichiarato: “La Cina si è rivelata uno dei partner principali dell’Esposizione Universale di Milano: abbiamo già raggiunto il target di 1 milione di biglietti venduti ai tour operator cinesi e sicuramente, con i suoi tre Padiglioni, il Paese è fra quelli che hanno investito maggiormente nel nostro evento. I progetti presentati e le interpretazioni del Tema sono di altissimo profilo e offriranno ai visitatori un’esperienza di edutainment ricca di contenuti e di straordinario interesse”. Il Padiglione cinese avrà un design ispirato alle forme e alle strutture architettoniche tradizionali cinesi, senza trascurare le linee più moderne, e avrà come tema “Terra di speranza, cibo per la vita”. 

print mail Google plus twitter linkedin facebook