9/09/2015Expo 2015

Expo, Alessandro Rosso Group porta la Puglia nel mondo

Albano Carrisi
Albano Carrisi

Il meglio della Puglia rurale in scena ad Expo. Dal 7 settembre al 4 ottobre 2015, i 25 GAL (Gruppi di Azione Locale) della Puglia, saranno ospitati presso il padiglione di Alessandro Rosso Group per presentare sapori e saperi, cultura, tradizioni e paesaggi tipici del tacco d'Italia al resto del mondo.I GAL pugliesi, suddivisi per gruppi, sono protagonisti in un’area allestita ad hoc all’interno del Padiglione per promuovere il progetto “Puglia rurale: la Puglia sposa il mondo” che ogni settimana culminerà con un evento di grande attrazione dedicato al pubblico di Expo.

Sarà un viaggio vero e proprio all’interno della Puglia rurale per valorizzare i prodotti locali, promuovere i brand enogastronomici, educare ad una alimentazione consapevole, incentivare il turismo. Tante le attività in programma nel corso del mese: show cooking, aperitivi tipici, “matrimoni” tra prodotti pugliesi e quelli di altri Paesi nel Mondo, degustazioni enogastronomiche, musica, laboratori artigianali e tanto altro. Il progetto è stato presentato in un’affollatissima conferenza, che ha visto la partecipazione di Piero Galli, direttore sales and entertainment division di Expo 2015; Loredana Vavassori, CEO Alessandro Rosso Group; Rita Mazzolani, direttore del GAL capofila del progetto; Ernesto Soloperto, presidente GAL Terre del Primitivo, capofila del progetto; Albano Carrisi, testimonial d'eccellenza della Puglia.

"Puglia rurale: la Puglia sposa il mondo" è un progetto regionale di cooperazione interterritoriale che coinvolge tutti i venticinque Gruppi di Azione Locale pugliesi e l’Accademia Italiana della Vite e del Vino (ente morale con decreto del Presidente della Repubblica). Un’occasione per portare nella prestigiosa vetrina mondiale il modello culturale della Dieta Mediterranea che punta a una corretta alimentazione, alla tutela della natura, alla valorizzazione di cultura e tradizioni promuovendo un corretto stile di vita all’insegna della sostenibilità.

print mail Google plus twitter linkedin facebook