25/03/2013 Studi e Ricerche MICE

Sicilia Convention Bureau presenta i dati congressuali 2012: censiti 941 eventi

Catania
Catania

Sono stati 941 gli eventi ospitati lo scorso anno in Sicilia di cui 858 commissionati dall’Italia e 83 dall’estero (in testa USA con 21 eventi, Francia 12, Inghilterra 8, Germania 8 e a seguire Belgio, Israele, Svizzera); 110 le aziende siciliane che hanno preso parte alla ricerca realizzata da Sicilia Convention Bureau in collaborazione con UniCredit. Questi, in sintesi, i dati emersi dall’Osservatorio congressuale siciliano 2012, presentato venerdì scorso.

Gli eventi in totale hanno visto la partecipazione di 91.604 delegati per 56.120 pernottamenti, con un fatturato generato pari ad oltre 23,7 milioni di euro.

“Stimiamo che i 941 eventi svolti e censiti dal nostro Osservatorio rappresentino circa il 25% del mercato complessivo siciliano. Pertanto il fatturato della filiera congressuale si attesta a circa 100 milioni di euro che anche nel 2011 erano stati stimati come la grandezza totale del comparto. Tutti gli studi internazionali rilevano che l’indotto corrisponde a circa una volta il fatturato diretto e pertanto è presumibile che complessivamente il comparto del turismo congressuale possa valere circa 200 milioni di euro per l’intera regione” ha sottolineato Maja de’Simoni, direttore generale di Sicilia Convention Bureau.

Gli eventi si sono svolti soprattutto a Catania (563), principalmente in hotel (777) e resort congressuali (100), concentrati soprattutto nei mesi di aprile e maggio, seguiti da gennaio e ottobre. Per quanto riguarda la tipologia si è trattato in prevalenza di meeting aziendali (24%) e congressi (18,3%), mentre per quanto riguarda il settore merceologico della committenza prevale quello medico/scientifico (23,1%), seguito dalla grande distribuzione (20,3%). Nel 2012 si è avuto un aumento notevole degli eventi con durata di un giorno (pari a 535) e degli eventi con un numero di delegati che vanno da 10 a 49 (pari a 479) e da 50 a 99 (187).

I dati risultano sostanzialmente in linea con quelli dell’anno precedente e con i trend generali del settore. Lo studio ha analizzato anche i fattori relativi alle richieste di eventi non confermati (543 in tutto) per “valutare i gap che la Sicilia deve colmare per essere competitiva e vincente”, come precisato da Vincenzo Tumminello, presidente di Sicilia Convention Bureau.


Tag: Sicilia Convention Bureau, studi e ricerche
Studi e Ricerche MICE
print mail Google plus twitter linkedin facebook
LOCATION EVENTI E CENTRI CONGRESSI
Dimora
Storica
Struttura Servizio
LUXURY WEDDING VENUES
DESIDERI UN MATRIMONIO DA FAVOLA?

Luxury hotels,Ville, Castelli e Palazzi per un matrimonio Italian Style

SCOPRI LE MIGLIORI
LOCATION ITALIANE