Banner
28/01/2014 Hotel e Location

Alberghi italiani, un 2013 con luci e ombre

Reception
Reception

Il 2013 è stato un anno a due velocità per l’industria alberghiera italiana: lo rivela il rapporto 2013 dell’Italian Hotel Monitor, la rilevazione effettuata da Trademark Italia. La buona notizia è che i 12 mesi appena passati sono stati segnati da una leggera crescita (+0,8%) dell’occupazione camere, mentre il prezzo medio ha segnato una flessione al ribasso (-1,7%).

Le 46 città capoluogo monitorate dall’Italian Hotel Monitor presentano R.O. (Room Occupancy) leggermente migliori di quelli dello scorso anno. Guardando nel dettaglio le singole località, emergono evidenti  flessioni e sorprendenti incrementi, con due città che si elevano su tutte le  altre: Firenze che fa registrare un +3,7 a livello di R.O. e un +2,5% di prezzo medio, e Torino con un +2,2% di R.O. e un +2% di prezzo medio. Il barometro dell’economia alberghiera italiana mostra un passo avanti della Room Occupancy annuale in 17 capoluoghi di provincia (sui 46 monitorati), con 14 Città nelle quali è stata superata la soglia “psicologica” del 60% di occupazione camere, riconosciuto sinonimo di “solidità gestionale”. Sopra quota 70%, anche quest’anno, solo la città di Firenze.Sono invece 10 le città, localizzate prevalentemente nel centro-sud nelle quali l’occupazione camere si attesta al di sotto del 50%, segnale evidente di contrazione della domanda. In termini di occupazione camere dopo Firenze (74,5%), salgono sul podio Roma (69,8%) e Venezia (67,4%) entrambe in crescita rispetto al 2012. Per quanto quanto riguarda il prezzo medio a notte (a quota 110,04 euro su base nazionale), la città più cara è Venezia, con oltre 145 euro (ma comunque sotto di 0,5% sul 2012), seguita da Milano (125,97 euro, -4,2% rispetto al 2012) e Firenze (124,37 euro, +2,5% sul 2012).

In estrema sintesi, analizzando i diversi segmenti alberghieri, il rapporto evidenzia che gli hotel 5 stelle e lusso mantengono la posizione, sia per quanto riguarda tariffe sia per quanto riguarda l’occupazione media delle camere;  la fascia 4 stelle è più altalenante, con un +0,8% di occupazione camere ma un -1,7% nei prezzi; le strutture a stelle sono quelle più in sofferenza, con un calo dello 0,6% nell’occupazione del 3% nei prezzi.


Hotel e Location
print mail Google plus twitter linkedin facebook
LOCATION EVENTI E CENTRI CONGRESSI
Dimora
Storica
Struttura Servizio
LUXURY WEDDING VENUES
DESIDERI UN MATRIMONIO DA FAVOLA?

Luxury hotels,Ville, Castelli e Palazzi per un matrimonio Italian Style

SCOPRI LE MIGLIORI
LOCATION ITALIANE